Odore di Acacia…

Il tempo dell’Acacia si avvicina e l’anno scorso a fine aprile si potevano intravedere i primi fiori bianchi che preannunciavano un po’ in anticipo la intensa fioritura tipica del mese di maggio.

(foto tratta da http://www.antichebonta.com/immagini/acacia.jpg)

L’Acacia o la Robinia è una pianta di origine americana, trapiantata nel nostro territorio per rinforzare gli argini dei fiumi. I fiori che produce hanno la classica forma a grappolo e quando non si sono schiusi del tutto possono essere anche cucinati; impanati e fritti. Domenica la giornata è divenuta così bella e mite che ci ha permesso di fare una visita. Più che altro avevo paura dato il periodo piovoso, che le api costruissero altre celle reali, ma mi pare  di non averne vista neanche una, solo qualche cupolino. Ho tolto inoltre della covata maschile per analizzare la situazione varroa, ma anche qui con esito negativo per fortuna.

Oggi inoltre sono arrivati i fogli cerei con i quali abbiamo costruito i telaini  dei nuovi melari e qualche telaino che daremo più in là alle famiglie che lo richiedono per deporre covata. Ho collocato nel coprifavo per ciascun’arnia un foglietto con tutti i dati relativi a quella famiglia, in modo tale da avere un rendiconto sempre aggiornato e sapere al momento della visita qual’era la situazione al momento dell’ultimo controllo. Il clima purtroppo rimane incerto e secondo le previsioni il cielo tenderà a rannuvolarsi con qualche scroscio nei prossimi giorni, proprio in prossimità della fioritura dell’acacia, speriamo bene! Nel complesso le famiglie si presentano vivaci, in particolare ho notato che nella IV nonostante sia orfana (ho visto la giovane e vergine regina), le api sono salite nel melario rispetto alla I e alla due II… Nella V ho collocato il melario con telaini e fogli cerei nuovi ma senza escludi regina.

Annunci

3 pensieri su “Odore di Acacia…

  1. Come si fa a discernere da quale tipologia di fiori deriva il miele? C’è un modo per far sì che le api si concentrino, ad esempio, sui fiori di acacia, piuttosto che di arancio?

    • generalmente le api prediligono alcuni tipi di flora a seconda della stagione, a maggio esplode l’acacia e quindi si concentrano su quella, a giugno il castagno,,, poi la melata e così via…nei periodi in cui non c’è una prevalenza infatti l’etichetta del miele è “millefiori” proprio perchè non c’è una prevalenza. tieni presente che anche i mieli di castagno, edere, acacia e così via non sono puri al 100% ma sono sempre “sporcati” con altri tipi di nettare… a meno che le api non vengano portate in campi di aranci, lavanda e così via

    • ovviamente per sapere con certezza che tipo di miele sia (i professionisti o le ditte lo fanno) ci sono le analisi, così come le analisi polliniche per sapere le proprietà in % del polline…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...